Filarmonica Capezzano Monte

Comune di Pietrasanta (LU)   Meteo
   GuestBook  
 
     
 

Carmelo, "ricordi e pensieri"

 
 

Chatta con noi! Se vuoi
inserire il tuo nome digita
/n tuonome poi invio

 




PREGHIERA PER UN AMICO


Composta da un'amica della Filarmonica e letta in occasione della Celebrazione religiosa per la Festa di S. Cecilia 2007.

O Signore,
ti raccomandiamo il nostro amico Carmelo.

Lui ci ha insegnato che nella vita non dobbiamo abbatterci ed arrenderci, quando la malattia lo ha colpito non si è disperato e non si è chiesto perché proprio a lui o cosa aveva fatto di male, ma l'ha affrontata con sorriso, orgoglio e tanta voglia di vivere.

Ci ha mostrato qual'è il vero amore per la musica, quell'amore che lo portava, anche se malato, a suonare uno strumento meno pesante pur di continuare il suo lavoro e la sua passione.

Aveva anche un sogno: quello di far sorridere e far divertire la gente, con noi ci è riuscito. E anche se nella sua breve vita è stato più quello che ha dato di quello che ha ricevuto ci consola il fatto che nel Tuo regno riuscirà a riscattarsi e ad avere le sue soddisfazioni.

Noi, nel nostro piccolo, l'abbiamo aiutato ma non è lui che ci deve ringraziare ma noi che lo dobbiamo ringraziare per tutto quello che ci ha dato e per tutto quello che ci ha insegnato.

E se un giorno saremo tristi e pensierosi, tenderemo l'orecchio verso il cielo, dove le note di un Flicorno Baritono ci faranno sorridere e ricordare il nostro caro Carmelo che continua a suonare nell'orchestra degli angeli.

Amen




PENSIERI




Eh si, Carmelo ci ha lasciato, non ci sembra ancora possibile ma è così. La sua immensa voglia di vivere non è stata sufficiente a sconfiggere la malattia e soprattutto non è bastata per lottare contro tutte le inefficienze del nostro sistema sanitario. Carmelo era da tempo malato di Leucemia Linfoblastica Acuta e, dopo vari cicli di chemioterapia era approdato al trapianto di midollo donatogli dalla sorella Lucia. Il peggio sembrava passato e l'incubo della morte stava pian piano svanendo ed invece le complicazioni hanno cominciato ben presto a farsi avanti, molto seri erano infatti i problemi al fegato provocati dalla "lotta" tra i due sistemi immunitari, problemi che lo costringevano a continue terapie di purificazione del sangue. Purtroppo tutti sappiamo quali sono le condizioni dei nostri ospedali e quindi Carmelo doveva spesso spostarsi da solo, con mezzi propri, all'aperto, per affrontare molte terapie; per questo, essendo estremamente scoperto dal punto di vista immunitario, si è beccato una semplice..., si fa per dire, polmonite che, molto in fretta, ce lo ha portato via. Questa è in estrema sintesi l'ultima parte del suo cammino ed è da qui che sono voluto partire per raccontare un po' di storia del nostro Caro amico. Carmelo era un ragazzo semplice, nato a Donna Lucata, piccolo paese della Provincia di Ragusa, aveva due grandi passioni, Totò e la Musica. Aveva incominciato ad apprezzare la seconda sin da piccolo, quando la Banda paesana partecipava alle processioni ed alle cerimonie religiose dell' "Uomo vivo" di Scicli. In quell'occasione si suonava e si suona tuttora una Marcia caratteristica, "l'Inno di Busacca" (chi vuole può ascoltarla azionando il player in fondo alla pagina), che, senza timor di smentite, può essere considerato come il motivo conduttore della sua vita. Carmelo, affascinato da quel mondo, cercò in tutti i modi di far musica ed entrò nella Banda come suonatore di percussioni ma per lui non era sufficiente. Dopo la maggior età vinse il concorso per entrare nella Marina Militare e riuscì a coronare il suo sogno entrando poi nella Banda Dipartimentale di La Spezia. Con l'ingresso nel mondo del lavoro si aprirono per Carmelo anche le porte per un futuro diverso e migliore, infatti, cosciente di alcune lacune culturali e professionali, iniziò in quel momento anche il suo personale percorso verso la conoscenza. Si era messo a studiare, voleva imparare meglio la musica, il solfeggio, la fisarmonica ed iniziò a studiare il basso tuba con l'aspirazione di diventare un giorno un suonatore, con la S maiuscola, di Flicorno Baritono. Nelle fasi in cui la malattia lo lasciava respirare un po', subito tornava in lui la voglia di suonare, dopo il primo strumento che gli mettemmo a disposizione acquistò anche un Baritono usato e cercò un insegnante vicino a casa che potesse farlo crescere in questo suo percorso, percorso purtroppo troppo breve. Per quello che ci riguarda e parlo della nostra Filarmonica, Carmelo venne a Capezzano nel 2004, alla ricerca di un gruppo che potesse coniugare la sua passione per la musica e la voglia di conoscere nuovi amici. Carmelo certamente non passava inosservato, cercava di legare con tutti ed il suo carattere brillante e scherzoso ben presto riuscì a conquistare la nostra fiducia. Partecipava alle nostre iniziative con entusiasmo, ai Concerti, alle "Befane", ai Raduni, alle Gite, ai Gemellaggi ed in ogni circostanza riusciva a farsi apprezzare e conoscere per il suo carattere e le sue qualità di attore. Eh si, proprio di attore, perchè non ci dimentichiamo che Carmelo, grande ammiratore di Totò e della Macchietta Napoletana, sin da giovanissimo si era esibito in spettacoli cabarettistici che spesso lo portavano in giro per la sua Regione. A questo proposito non scorderemo mai l'interpretazione di Totò al Saggio Allievi del 2005, momento che, per fortuna abbiamo immortalato in un video che troverete più avanti. Ci sarebbero molte altre cose da dire su Carmelo e sarei lieto se qualcun'altro vorrà aggiungere il suo personale commento al mio, a me piacerebbe solamente dirgli un'ultima cosa e forse la più importante: "Caro Carmelo, ti ringraziamo per quello che ci hai dato, per quello che ci hai trasmesso e ci hai lasciato dentro, sicuramente, grazie alla tua amicizia, oggi possiamo dire di essere un po' più ricchi di prima".

Marco Pasquini


Come ha detto Marco, Busacca era proprio il suo cavallo di battaglia, ricordo ancora il primo giorno che lo vidi e ci conoscemmo in 3 secondi... Persona di bontà indescrivibile. Quello che mi ha dato come persona rimarrà sempre e per sempre vivo nei miei ricordi, nel mio cuore.

Alfredo Brunini


Anch'io ho l'onore di poter dire di avere suonato assieme a lui l'inno di Busacca. Ricordo ancora come si impegnava a solfeggiarmelo a modo suo, cioè cantandolo con quella sua voce dalla melodia inconfondibile che mai dimenticherò. Ciao Carmelo. Hai lasciato un grande vuoto.

Daniele Bresciani


Un' immagine che rivedo spesso è quando mi chiamava con la sua voce particolare ed i suoi modi graziosi. Il baciamano per le signore, galante e scherzoso, non mancava mai. Da quando l'ho conosciuto ho sempre avuto voglia di proteggerlo. Caro dolce Carmelo mi mancherai.

Maura Spezziga

Dice una massima: "Vivere nel cuore di chi resta non è morire", così Carmelo non ci lascerà mai.... Grazie Carmelo  per la tua allegria, la tua spensieratezza e la tua simpatia che sempre rimarrà dentro noi.

Gabriele Quadrelli


D'ora in poi ogni qualvolta mi cimenterò con la musica, il mio pensiero sarà sempre con Carmelo.

Dario Cosi


Caro Carmelo, da quando ti sei ammalato ho sempre sperato e trasmesso agli altri la speranza e la fiducia che ormai il peggio era alle spalle, anche perché eri Tu che ci trasmettevi fiducia e voglia di vivere. Purtroppo il Destino è strano e solo la Fede ci può aiutare a comprenderlo, ora da Lassù ci guarderai e proteggerai con il sorriso e la bontà che ti ha sempre contraddistinto. Sei stato un collega e resterai per sempre un AMICO Straordinario. Con immenso affetto,


Gianni Gentile


A tutti noi hanno insegnato che quando riceviamo un regalo, dobbiamo ringraziare chi è stato così generoso con noi. Io devo dire grazie a Carmelo per una serie di motivi: Grazie per avermi dimostrato quanto sia bello ed importante vivere per una passione. La forza che lui ha ricevuto dalla musica, la sua grande passione, lo ha aiutato ad affrontare serenamente le prove più dure che il destino gli ha riservato. Grazie per avermi mostrato il coraggio di sorridere anche nei momenti in cui tutti noi avremmo pianto. Grazie per aver dimostrato di non aver paura quando, di fronte alla malattia, tutti si sarebbero spaventati. Ed infine grazie per averci insegnato che si possono ricevere lezioni di vita non solo da chi è molto anziano. Quindi, se noi che abbiamo conosciuto Carmelo, oggi siamo, anche solo un po’, migliori, dobbiamo un grazie sicuramente anche a lui.

Adriana Artini


Caro Carmelo, ci hai lasciato senza dirci una frase, senza lasciare un tuo sorriso. Carmelo ti ho portato sulle spalle e bussato alla tua bara per tutto il tragitto par farti sentire che io ero li, Carmelo sei nel mio cuore e non ti scorderò mai, mi manchi tanto. Ciao Carmelo....

Anonimo


Salve caro Carmelo,
compagno di musica, di tanti bei concerti fatti insieme condividendo il nostro amato hobby.
Tante bellissime gite con il gruppo di amici preferiti! All'ultima gita ti ho conosciuto meglio... e sei un ragazzo eccezionale, una persona buona d'animo e sensibile, quando vuoi certe volte un pò troppo permaloso, ma lo sai ke noi skerziamo sempre... Ti vogliamo tutti un gran bene!!!
Sei forte quando fai l'imitazione di Totò, il tuo attore preferito, il tuo IDOLO... e quando incominci a suonare il  bassotuba, non la finiresti più e poi... con la famosa "BUSACCA" canzone bellissima del tuo paese; e quante volte ci hai invitati per farci vedere la tua casa natale, l'amata Sicilia, orgoglioso di tutte le tue tradizioni. Carissimo Amico io sono con te nello spirito e nella preghiera, volevo ke quel "dannato male"sparisse nell'infinito come era arrivato,
speravo con tutto il cuore ke il tuo fisico fosse stato forte come il tuo essere gioioso e allegro.
Lotta, lotta con tutte le tue forze, mi dicevo incessantemente: la vita è bella ed è giusto ke anke tu la viva sereno con tutti noi come hai sempre fatto fino ad ora!
Nooo, non è giusto! Ora ke sei arrivato nel mondo perpetuo, prego per te così forte ke spero tu mi senta; ti voglio bene Amico mio e non ti dimentikerò mai..........


Daniela Antichi


Sono orgoglioso di avere conosciuto Carmelo e di aver condiviso con lui momenti di gioia che non dimenticherò mai.
Ho un grandissimo rammarico, quello di non averlo accontentato quando mi chiese di andare al suo paese per Pasqua, nel 2005. Gli dissi  “quest'anno non posso, vedrò il prossimo” e lui sempre con il sorriso sulle labbra insisteva, “promettimi che vieni”  poi mi incitava a suonare il suo inno "Busacca" e da una canzone all'altra il tempo passava, spensierato e felice con Lui che suonava o cantava.
Ora purtroppo non lo rivedremo più, sembra incredibile ma è così, comunque rimarrà per il resto della mia vita nei ricordi e soprattutto nel cuore.
Saluto Carmelo, un grandissimo Amico.

Marco Croci


Torna alla Home Page



c1 c2 c3 c4 c6

c5 c7 c8 c9 c10

c11 c12 c14 c15

c16 c17 c19 c20

c21 c22 c23



Alcune fotografie trovate sul sito degli amici di La Spezia











I video dello spettacolo che Carmelo ha tenuto in occasione del Saggio Allievi 2005


Video 1: Carmelo ci ripropone il Pinocchio di Totò (tratto dal film "Totò a Colori"):



Video 2: Carmelo interpreta il Direttore di Banda "Antonio Scannagatti"
(tratto dal film "Totò a Colori"):






Mentre guardi le foto o leggi i nostri pensieri puoi anche ascoltare l'Inno di Busacca:




Guarda la pagina dedicata alle Manifestazioni in onore di Carmelo nell'agosto 2009



A tutti i componenti della Filarmonica di Capezzano Monte:

"Un forte abbraccio dal papà, la mamma e la sorella di Carmelo Paternò.
Non dimenticheremo mai quello che avete fatto, nella speranza che possiate continuare a farlo ancora, per il nostro ed il vostro Carmelo.
Sarete sempre nei nostri cuori e nei nostri pensieri.
Grazie in modo speciale anche al M° Pasquini, al Presidente Bresciani e alla Sig.ra Carla.
Ancora un grazie di cuore, a tutte quelle splendide persone che Carmelo ha incontrato lungo il suo cammino."  

Donnalucata, 18 Settembre 2009 -  La Famiglia Paternò